top of page
Scrivendo sulla spiaggia

Blog

Cosa fare e non fare prima e dopo lo Yoga



 

- Innanzitutto, prima di fare la nostra pratica yoga, è essenziale pulire il corpo, all'esterno ma anche all'interno. Quindi la prima cosa che facciamo la mattina prima degli asana è fare la doccia, lavarci faccia, denti, lingua, naso e svuotare il nostro corpo dagli scarti che ha accumulato la notte. Vescica e intestino devono quindi essere liberi. Se pratichiamo la sera, al posto della doccia possiamo sciacquare con acqua fresca le estremità del corpo, i genitali, il viso e la bocca.

- È importante che lo stomaco sia vuoto da almeno 3 ore.

- La pratica degli asana va eseguita con indosso vestiti comodi.

- Praticare su un tappetino o una coperta (non sintetici).

- L'ambiente in cui si pratica dovrebbe essere sufficientemente caldo, libero da forti odori e senza correnti d'aria.

- Durante la pratica respiriamo con il naso e non tratteniamo l'aria (a meno che non sia esplicitamente richiesto diversamente)

- Praticare in base alle capacità del proprio corpo, senza forzare la posizione, i miglioramenti arrivano col tempo e la pazienza.

- In caso di problemi fisici di qualsiasi tipo, è meglio consultare uno specialista prima di iniziare a praticare.

- Alcune posizioni (soprattutto le inversioni) sono sconsigliate per le donne quando hanno le mestruazioni.

- Le donne incinta possono praticare i primi 3/4 mesi e almeno un mese dopo il parto.

- È buona cosa non praticare attività fisiche faticose dopo gli asana.

- Non bere e mangiare subito dopo la pratica, attendere almeno 30 minuti.


Secondo gli otto rami della filosofia di Patanjali, prerequisito per fare gli asana, le posizioni dello Yoga, è seguire i principi di Yama e Niyama, indispensabili per un percorso di crescita personale.




Yama:

  1. Ahimsa: non violenza

  2. Satya: verità

  3. Asteya: non rubare

  4. Brahmacharya: consapevolezza del divino

  5. Aparigraha: non avidità

Niyama:

  • Saucha = pulizia;

  • Santosha = contentezza

  • Tapas = servizio;

  • Svadhyaya = studio e conoscenza di sé;

  • Isvara pranidhana = identificazione con il divino

52 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page